Alienum phaedrum torquatos nec eu, vis detraxit periculis ex, nihil expetendis in mei. Mei an pericula euripidis, hinc partem.

Chiamaci +39 368 7538216

Blog

MAAAP / Notizie  / Mille ed una ragione per siglare la Convenzione tra il Comune di Padova e l’Associazione “La Crose”

Mille ed una ragione per siglare la Convenzione tra il Comune di Padova e l’Associazione “La Crose”

Mille ed una ragione per siglare la Convenzione tra il Comune di Padova e l’Associazione “La Crose” ONLUS per il Maaap Museo Acheologico Ambientale delle Acque del Padovano ad  Altichiero, via Querini 84).

Un piccolo museo gioiello e simbolo della cultura Veneta Padovana  è contenuto nella ex Chiesa di Sant’Eufemia, il MAAAP per anni è stato luogo di eventi importanti, di concerti e conferenze, custode dei reperti paleoveneti, romani e medioevali risalenti ai periodi che vanno dal VII sec. a. C. al 1700 d. C. Manufatti ritrovati soprattutto nel fiume Brenta ed anche nel Bacchiglione dai Soci subacquei cofondatori della Crose alla fine degli anni ‘80.

Il sito stesso è il primo e probabilmente unico santuario protostorico su cui poi fu costruita, in epoca medievale la chiesetta di Sant’Eufemia.

I soci fondatori della Crose hanno tratto il nome dalla croce che fu ritrovata nel Brenta,  emblema di una zona del quartiere di Altichiero chiamata proprio cosi.

Da circa dieci anni il museo è rimasto chiuso alla popolazione per cause poco chiare, si parla di una presunta agibilità prima ritirata nel 2010 poi concessa nel 2012 e poi negata nel 2016. Dopo” lunga e penosa malattia” e soprattutto con  interesse gratuito ed appassionato il Presidente della “Crose” unitamente al Consiglio Direttivo, non senza vicissitudini e battaglie mediatiche sono riusciti a riaprire, ma esclusivamente ai Soci il MAAAP.

Il piccolo museo che tra l’altro è annoverato tra i Musei della Civiltà delle Acque, Patrocinato dall’UNESCO è stato rinnovato sia per quanto attiene alle Teche contenenti i reperti che ai Reperti stessi che  sono stati ripuliti e riportati al loro splendore: sia gli uni che gli altri erano ricoperti dalla polvere di un tempo lungo venti anni.

Sono state cambiate le dislocazioni, il Maaap si è rinnovato completamente.

Si sta allestendo la Maapteca come previsto dal Progetto: “Dal fiume museo a cielo aperto al Maaap.

Molti progetti sono pronti per essere varati in particolare la Didattica “piatto forte” del nostro Laboratorio del Fare e del Restauro.

Attendiamo solo che la componente politica della nostra città si risvegli e rivolga la sua attenzione a questo patrimonio culturale così ricco di storia e di arte.

La politica aspetto importante della cultura di un popolo non può ignorare la cultura di una civiltà fluviale come quella Veneta.

Senza cultura e la relativa libertà che ne deriva, la società, anche se fosse perfetta, sarebbe una giungla. Ecco perché ogni autentica creazione è in realtà un regalo per il futuro.
(Albert Camus).

Essa non è una professione per pochi bensì una condizione per tutti e completa l’esistenza dell’uomo.

Ed è per questo che l’Associazione La Crose ha curato e vuol mantenere vivo il Museo delle Acque..

     Insegnante delegata alla Didattica membro del CD Patrizia Mecchia